Lascia un commento

La Capsella Di Samagher: presentazione dei primi risultati delle nuove ricerche

Si svolgerà mercoledì 8 maggio 2013 alle ore 16:30 presso lo Statuario Pubblico, Vestibolo della Libreria Sansoviniana Piazzetta San Marco, 13/A (Museo Archeologico Nazionale di Venezia) la presentazione dei primi risultati delle nuove ricerche sulla Capsella di Samagher, uno degli oggetti più preziosi della collezione museale, che non appartenne alla collezione Grimani, ma che fu invece trovata nel 1906 a Samagher in Croazia sotto l’altare della chiesa di S.Ermagora.

La capsella di Samagher. Credits: http://vcg.isti.cnr.it/capsella/

La capsella di Samagher. Credits: http://vcg.isti.cnr.it/capsella/

La Capsella è dunque nuovamente protagonista di un capitolo della vita del Museo, dopo essere stata recentemente in mostra a Milano per “Costantino 313”

La capsella è un prezioso reliquario di V secolo d.C., in avorio con inserti in argento, istoriato sui suoi 4 lati e sul coperchio con i personaggi di Costantino ed Elena in visita nella Basilica Vaticana nel 326 (lato posteriore), Galla Placidia con il piccolo Valentiniano (lato sinistro), Valentiniano con la moglie Licinia Eudoxia e forse la figlia Eudocia nel 449-440 (lato destro), Galla Placidia in pellegrinaggio forse per sciogliere un voto relativo all’incoronazione ad imperatore del figlio Valentiniano (lato principale). I rilievi si ispirano molto probabilmente ai mosaici, non più conservati, della Basilica Costantiniana di Pietro a Roma. I personaggi raffigurati sono i protagonisti degli ultimi tempi dell’Impero Romano d’Occidente, quando ormai il Cristianesimo è divenuto religione di stato.

dettaglio della decorazione sul lato posteriore della capsella: credits: http://vcg.isti.cnr.it/capsella/

Dettaglio della decorazione sul lato posteriore della capsella: Costantino ed Elena in visita alla Basilica Vaticana. credits: http://vcg.isti.cnr.it/capsella/

L’importanza, e anche la difficile lettura e interpretazione, di questo reperto di arte tardoantica ha spinto il Museo ha intraprendere una campagna di studio per meglio comprenderne la struttura, i materiali e lo stato di conservazione in vista di un intervento di restauro. Le analisi sono state condotte dall’Ing. Seracini del San Diego’s Center of Interdisciplinary Science for Art, Architecture and Archaeology, mentre è stata avviata nel contempo un’operazione di valorizzazione, se così la possiamo definire, attraverso una campagna fotografica, scansione e restauro 3D mediante l’uso di nuove tecnologie di ricostruzione 3D, condotte da CNR-ISTI, Alinari24ORE e società NoReal per la realtà aumentata. Il risultato di questo lavoro si può vedere qui: http://vcg.isti.cnr.it/capsella/ Le immagini sono effettivamente ad altissima risoluzione, in modo da poter cogliere tutti i minuti dettagli della decorazione, che si sviluppa sullo spazio molto limitato dei lati della capsella e che quindi ad occhio nudo non si colgono così facilmente.

Invito e programma per la presentazione dei lavori sulla Capsella di Samagher, 8 maggio 2013

Invito e programma per la presentazione dei lavori sulla Capsella di Samagher, 8 maggio 2013. Clicca sull’immagine per ingrandire

Naturalmente chiunque sia interessato è invitato a partecipare. Nuovamente Venipedia.it registrerà l’evento per chi, pur volendo, non potrà assistere di persona.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: