2 commenti

Parole di Pietra al Museo Archeologico Nazionale

L’8 dicembre 2013 il Museo Archeologico Nazionale di Venezia ospiterà Parole di Pietra, II Percorso Museale d’ascolto di autunno: un viaggio teatrale all’interno delle sale del Museo Archeologico, un modo per incontrare opere e testimonianze dell’antichità con il filtro del teatro. Nelle varie sale del museo, traendo ispirazione dalle statue presenti,  verrà messo in scena il tema di un mito dell’antichità attraverso le parole di scrittori classici: un caleidoscopio di personaggi e situazioni tutti riconducibili alla lettura del mito non come un fatto culturale, ma come un’attitudine elementare e primaria dell’animo umano. Ermes, Demetra, Atena, Dioniso e Ulisse animeranno le sale del museo in uno spettacolo itinerante che, con il pretesto di una visita, inviteranno lo spettatore ad intraprendere un viaggio dentro di sé.

Questo il programma: 

Sala III ERMES – da L’Anfitrione di Plauto

Sala IV  – DEMETRA  da AAVV rielaborati da Erica Taffara

Sala V  – ATENA da Le Eumenidi  di Eschilo

Sala VI    DIONISO da Le Baccanti di Euripide

Sala VIII    ULISSE da Ulisse di F. Puccio

Sala IX  – Imperatori Romani  da A se stesso di Marco Aurelio

Lo spettacolo, che si svolgerà alle ore 11 con replica alle ore 12, è su prenotazione ai numeri di telefono 049.650294 – 340-8479382 o all’indirizzo di posta elettronica prenota@teatrocontinuo.it ed è ad ingresso libero da piazzetta San Marco 17.

locandinaparole

Al termine, sarà offerto un brindisi dal Consorzio del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore, per chiudere con stile un incontro tra arti diverse, senz’altro, ma che insieme concorrono a dare forma al “bello”…

La statuetta di Ulisse, II secolo d.C. e il ritratto dell'imperatore Adriano, II secolo d.C., due tra i protagonisti "di pietra" del Teatro itinerante di Parole di Pietra

La statuetta di Ulisse, II secolo d.C. e il ritratto dell’imperatore Adriano, II secolo d.C., due tra i protagonisti “di pietra” del Teatro itinerante di Parole di Pietra

Parole di Pietra, nato da un idea di Federico Moro per la direzione artistica di Gianni Bozza di Teatrocontinuo, è realizzato grazie alla collaborazione con la Soprintendenza speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Venezia e dei comuni della Gronda lagunare e la Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le province di Venezia, Belluno, Padova e Treviso. Tutti gli spettacoli del progetto, in gran parte originali nei testi e nelle musiche, sono stati prodotti da Teatrocontinuo, storica compagnia padovana, che negli ultimi anni ha legato la propria vocazione di teatro di ricerca alla creazione di spettacoli per luoghi monumentali e piazze, musei, aree archeologiche e parchi naturali. Gli artisti che l’8 dicembre animeranno il museo Archeologico Nazionale di Venezia sono Gianni Bozza, Erica Taffara, Valentina Abbà, Paolo Melchiori, Mario Costa, Giorgio Dalceggio  e Barbara Zoletto autrice ed interprete delle canzoni.

Annunci

2 commenti su “Parole di Pietra al Museo Archeologico Nazionale

  1. Cari amici del Museo Archeologico di Venezia, lo spettacolo Parole di Pietra è l’ultima tappa del progetto che ci ha portato a visitare con il teatro alcuni tra i più importanti e suggestivi palazzi veneziani. Siamo contenti di chiudere il progetto in questo luogo. Per noi di Teatrocontinuo è un po come tornare al primo amore: l’archeologia.
    Sono parecchi anni che creiamo spettacoli per aree archeologiche, facendo del mito il tema di lavoro principale della nostra ricerca teatrale. Per noi il mito non è mai stato un tema freddo, per persone colte, bensì il modo più diretto, istintivo per entrare nell’animo umano, nel nostro naturalmente, e quindi in quello di persone contemporanee che rileggono il mito. Il mio maestro di Teatro, Nin Scolari, mi ripeteva spesso che un attore se è bravo e fortunato, riesce ad andare cosi indietro nel tempo fino ad incontrare i miti, i suoi miti.
    Noi ci auguriamo che lo spettacolo di domenica possa regalare o far brillare ogni tanto la luce di questi miti, attraverso le intuizioni, il pensiero, il corpo e l’anima degli attori della compagnia a cui appartengo.
    Sarà bello alla fine incontrarci per il brindisi finale.
    A domenica!
    Gianni Bozza – attore di Teatrocontinuo

    • Caro Gianni, grazie per il tuo saluto ai nostri amici del Blog!
      Sono contenta della sintonia che si è creata fra il Museo e Teatrocontinuo,
      intesi tutti e due nel nel senso più ampio delle parole ( “contenitore”
      Museo, nello splendido Palazzo delle Procuratie Nuove, nel cuore di Venezia
      – “contenuto” del Museo, come preziosissima raccolta di Antichità
      classiche e nello stesso tempo persone che vi lavorano e che sentono sulla
      pelle il bisogno sempre più forte dei “pubblici” del XXI secolo di
      conoscere e capire il Passato – la tua Compagnia, sensibile e attenta per
      tradizione al connubio fra Teatro e Mito). A mio parere…. non poteva non
      scoppiare la scintilla..L’ho sentito subito, fin dal primo giorno che vi ho
      guidato nelle Sale.. alla ricerca di fonti di ispirazioni per le “Parole di
      Pietra”. Ulisse, Dioniso, Atena, Demetra…come resistere… e poi il file
      rouge dei “Pensieri” di Marco Aurelio: così lontani nel tempo, ma così
      vicini a ciascuno di noi… Sono sicura che anche i visitatori del Museo ci
      seguiranno in questo “Percorso Museale di Ascolto” con altrettanto
      entusiamo. Grazie ancora!
      Michela Sediari – Direttrice del Museo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: