Lascia un commento

Concerto di Natale al Museo!

Giovedì 19 dicembre il Museo Archeologico Nazionale di Venezia vi farà gli auguri in maniera un po’ inconsueta per un museo: con un concerto di Natale! Inconsueta per un museo, ma non per il nostro, che spesso dedica eventi e giornate al legame e alle suggestioni che si possono creare tra musica e arte antica. Dopo la serie dei Percorsi Museali d’Ascolto di Autunno arriva ora, nelle sale del museo, il Concerto di Natale. Un evento che dedichiamo a tutti i voi e cui vi invitiamo a partecipare.

invito natale

Questo il programma del concerto, realizzato in collaborazione con il Conservatorio “Benedetto Marcello” di Venezia:

Georg Philipp Telemann, La caccia, per quattro flauti

Giuseppe Verdi, Emanuele Krakamp, Pot pourri n.1 su temi tratti da “La forza del destino”, per due flauti

Pietro Mascagni, Intermezzo da Cavalleria Rusticana, per quattro flauti

Joseph-Maurice Ravel, Ma mère l’oye per cinque flauti

Claude Debussy, Gabriel Mourey, La flute de Pan (Syrinx) per flauto e voce recitante

Vincenzo Sorrentino, Sfavillante, per tre flauti

Vincenzo Sorrentino, Christmas medley, per ensemble di flauti

Ringraziamo già fin d’ora i musicisti del Lagoon Flutes Ensembles Chiara Barbiero, Mauro Colantonio, Francesco Danieli, Monica Finco, Maddalena Lotter, Simone Sandri, Andrea Vecchiato; il concerto si svolgerà nella Sala V del Museo alle ore 16.

Rilievo votivo ad Ares e Afrodite, V secolo a.C., Venezia, Museo Archeologico Nazionale

Rilievo votivo ad Ares e Afrodite, V secolo a.C., Venezia, Museo Archeologico Nazionale

Come immagine simbolo di questo Concerto, la direttrice del Museo Michela Sediari ha scelto il rilievo votivo di Ares e Afrodite, di V secolo a.C., in cui sono raffigurate le due divinità nell’atto di compiere un’offerta su un’ara, prima che Ares parta per la guerra. Dietro Afrodite, a dimensioni ridotte, è raffigurato il dedicante del rilievo, il quale è legato al tema del “trono vuoto” simbolo di Zeus, tema che dalla Grecia passa a Roma, dove l’iconografia viene acquisita per il culto imperiale e infine arriva al mondo cristiano (la prima raffigurazione è sul mosaico alla sommità dell’arco trionfale della Basilica di S.Maria Maggiore, successivo al Concilio di Efeso del 431 d.C.): lo ritroviamo rappresentato, infatti, sul lato principale della nostra Capsella di Samagher!

Augurandovi buone feste, vi invitiamo al nostro Concerto di Natale, giovedì 19 dicembre 2013!

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: